Chi tutela chi: i diritti nei programmi dei partiti /2

(qui la prima parte)

Passiamo al Popolo della Libertà

Pdl logoCon un po’ di mediterraneo ritardo proseguiamo questo breve viaggio fra i programmi elettorali. Anche nel caso del Pdl non c’è tantissimo da analizzare. Tutto ciò che riguarda, anche vagamente, il tema dei diritti, è racchiuso nei brevi capitoli “Famiglia” e “Welfare”. Vediamoli.

Famiglia
La persona e la famiglia sono al centro del nostro programma.
La difesa e il sostegno alla famiglia, comunità naturale fondata sul matrimonio tra uomo e donna, la promozione della dignità della persona e la tutela della vita, della libertà economica, educativa e religiosa, della proprietà privata, della dignità del lavoro, la solidarietà e la sussidiarietà saranno i punti di riferimento della nostra azione legislativa

– Un fisco favorevole alla famiglia: a parità di reddito paghino
meno tasse le famiglie più numerose (quoziente familiare)
– Bonus bebè
– Piano di sviluppo degli asili nido
Buono (o credito di imposta) per scuola, università per favorire
libertà di scelta educativa delle famiglie
– Rendere totalmente detraibili dall’imponibile fiscale le spese
per l’educazione e l’istruzione dei figli
Sostegni straordinari alle famiglie per l’assistenza ai disabili
e agli anziani non autosufficienti

L’impostazione tradizionalista del tema famiglia è evidente fin dalle prime righe. Nessun accenno alle coppie omosessuali né alla parità di genere. In compenso ampio spazio a proprietà privata e libertà economica, e si fa davvero fatica a capire cosa c’entrino questi temi con l’argomento del capitolo. Si parla anche di sussidiarietà, ma nella declinazione orizzontale (delegare il più possibile al privato e intervento statale minimo) tipica della destra e non in quella orizzontale (funzioni amministrative all’ente locale più vicino al cittadino salvo impossibilità, con conseguente aiuto/sussidio dell’ente immediatamente sovrastante) tutelata dalla Costituzione (art. 118). Si propone esplicitamente l’inserimento di un buono scuola e università, chiaro segnale di ulteriore apertura alle istituzioni formative private rinunciando quindi al finanziamento diretto di quelle pubbliche. Infine il sostegno “straordinario” (perché non renderlo ordinario com’è invece la disabilità?) alle famiglie per l’assistenza dei disabili.

Welfare
– Modello di welfare basato sulla tradizione sussidiaria italiana e incentrato sul valore della persona, della famiglia, del lavoro e del rapporto con il territorio
Buono-dote o credito di imposta per la libera scelta nei servizi del welfare
Stabilizzazione e raddoppio del 5 per mille
– Misure per favorire la conciliazione dei tempi di vita e lavoro delle famiglie
– Revisione e potenziamento degli strumenti previsti dalla Legge 328 del 2000, tramite incremento dei fondi ad essi destinati
– Revisione Legge 180 del 1978 (emergenza salute mentale)
– Ripristino delle opportunità di accesso ai servizi pubblici a domanda individuale per i cittadini italiani

La tradizione sussidiaria di cui parla il programma non sarebbe, di per sé, una cattiva idea, ma risponderebbe anzi alla forte domanda di servizi personalizzati. In questa direzione va anche il buono-dote. Il sistema proposto svela però le reali intenzioni di riduzione della spesa sociale quando propone l’incremento del 5×1000, quindi dei fondi a disposizione del privato sociale, che può così fornire servizi al posto dello stato. Non può risultare serio il proposito di incremento dei fondi destinati alla L. 328/2000 da parte di un partito che, quando ha governato, ha ridotto del 75% il Fondo per le Politiche Sociali e azzerato quelli per la non autosufficienza e contro la violenza sessuale.

Insomma, diritti pochi, privatizzazioni tante. Troppe.

(continua)

Annunci

One thought on “Chi tutela chi: i diritti nei programmi dei partiti /2

  1. Pingback: Chi tutela chi: i diritti nei programmi dei partiti /3 | diario precario 2.0

Scrivi un commento / Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...